AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

giovedì 24 novembre 2016

Arriva in Italia la conclusione alla serie "Il cimitero dei libri dimenticati" di Carlos Ruis Zafon

Buonasera a tutti miei cari lettori!
Come oramai sarete già informati, da ieri si può trovare nelle librerie e negli store online l'ultimo capitolo della serie "Il cimitero dei libri dimenticati" di Carlos Ruiz Zafon dal titolo "Il labirinto degli spirito".

Si tratta di una serie in quattro volumi e che è stata amata da moltissimi lettori in tutto il mondo.
Fra questi ci sono (o per meglio dire c'ero) anche io.
Ho letto i primi due libri tantissimi anni fa; ricordo che il primo lo scoprii quasi per caso e me ne innamorai a tal punto che - presa dalla follia che colpisce noi lettori e ci porta a regalare i nostri libri preferiti ad altre persone affinchè pure loro se ne innamorino - questo libro fu diverse volte un regalo di Natale (non la mia copia, badate bene! La mia la conservo ancora nella libreria).
Dopo di questo primo volume, essendo ancora nella fare SSS (=studente senza soldi), andai a recuperare il secondo nella biblioteca del mio paese. Purtroppo però ho faticato ad entrare nella storia, e di per sè non mi è piaciuto tanto quanto il primo. Da quel momento in poi, il mio rapporto con Zafon si è un po' raffreddato, soprattutto e purtroppo dopo aver letto "Marina".

Ma ora, grazie all'entusiasmo generale per questa ultima uscita, e soprattutto grazie a Mondadori, potrò recuperare laddove ero rimasta indietro, sperando di riuscire a ritornare ad amare questa storia tanto quanto l'ho amata da ragazzina.
La casa editrice infatti, che ringrazio infinitamente, mi ha fornito le copie dei primi tre capitoli. Appena avrò fatto un ripasso e colmato le mie lacune sarò lieta di farvi una recensione; nel frattempo vi lascio con un qualche citazione e video.
Mi abbandonai a quell'incantesimo fino a quando la brezza dell'alba lambì i vetri della finestra e i miei occhi affaticati si posarono sull'ultima pagina. Solo allora mi sdraiai sul letto, il libro appoggiato sul petto, e ascoltai i suoni della città addormentata posarsi sui tetti screziati di porpora. Il sonno e la stanchezza bussavano alla porta, ma io resistetti. Non volevo abbandonare la magia di quella storia né, per il momento, dire addio ai suoi protagonisti. Un giorno sentii dire a un cliente della libreria che poche cose impressionano un lettore quanto il primo libro capace di toccargli il cuore. L'eco di parole che crediamo dimenticate ci accompagna per tutta la vita ed erige nella nostra memoria un palazzo al quale – non importa quanti altri libri leggeremo, quante cose apprenderemo o dimenticheremo – prima o poi faremo ritorno. L'OMBRA DEL VENTO
Nel mio mondo, le grandi speranze vivevano solo fra le pagine di un libro. IL GIOCO DELL'ANGELO
Non esistono lingue morte ma solo cervelli in letargoL'OMBRA DEL VENTO
Quel libro mi ha insegnato che la lettura può farmi vivere con maggiore intensità,che può restituirmi la vitaL'OMBRA DEL VENTO
La gente normale mette al mondo dei figli; noi romanzieri dei libri. Siamo condannati a metterci la vita, anche se quasi mai ce ne sono grati. Siamo condannati a morire nelle loro pagine e a volte perfino a lasciare che siano loro a toglierci la vitaIL GIOCO DELL'ANGELO
"E conserva i tuoi sogni" disse Miquel. "Non puoi sapere quando ne avrai bisogno"L'OMBRA DEL VENTO
Un racconto è la lettera che un autore scrive a se stesso per mettere a nudo la propria animaL'OMBRA DEL VENTO

LA TETRALOGIA COMPLETA
Uno scrittore non dimentica mai la prima volta che accetta qualche moneta o un elogio in cambio di una storia. Non dimentica mai la prima volta che avverte nel sangue il dolce veleno della vanità e crede che, se riuscirà a nascondere a tutti la sua mancanza di talento, il sogno della letteratura potrà dargli un tetto sulla testa, un piatto caldo alla fine della giornata e soprattutto quanto più desidera: il suo nome stampato su un miserabile pezzo di carta che vivrà sicuramente più a lungo di lui. Uno scrittore è condannato a ricordare quell'istante, perché a quel punto è già perduto e la sua anima ha ormai un prezzo.
   

Nessun commento:

Posta un commento