AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

domenica 20 luglio 2014

Recensione: "Quando il diavolo mi ha preso per mano" di April Genevieve Tucholke

Buon pomeriggio lettori!
Complice la pioggia e il raffreddore (che manco farlo apposta mi sono beccata ieri, tra caldo e freddo, all'Europapark), me ne sono rimasta rintanata in camera mia e ho colto l'occasione per terminare la lettura di questo libro. Scrivo subito la recensione, così, di petto!

Titolo: Quando il diavolo mi ha preso per mano
Titolo originale: Between the Devil and the deep blue sea (Between #1)
Autore: April Genevieve Tucholke
Casa editrice: Piemme
Pagine: 276
Prezzo: 16,00€
Data di uscita: 15 Aprile 2014

SinossiNel paesino di mare dove abita Violet non succede mai niente… fino a quando River non affitta la casetta dietro la sua e incominciano a verificarsi eventi inquietanti: i bambini scompaiono, gli adulti hanno strane visioni e diventano inspiegabilmente violenti. Tutto mentre Violet è sempre più attratta da quel ragazzo misterioso che ormai entra indisturbato in casa sua. Ma River è soltanto un bugiardo dal sorriso irresistibile e il passato misterioso o dietro i suoi occhi ipnotici si nasconde qualcos’altro? La nonna di Violet l’aveva messa in guardia dai giochi che sa fare il Diavolo, ma lei non aveva mai pensato che il male potesse nascondersi in un ragazzo dai capelli scuri che si appisola in giardino, adora il caffè e ti fa tremare di passione...



La mia recensione
★★★★

Questo libro mi è piaciuto. All'inizio della lettura pensavo fosse la solita storia per adolescenti ma andando sempre più avanti mi sono ritrovata completamente immersa nelle vicende.
Avevo adocchiato questo libro ancor prima che ne uscisse la versione italiana, ma senza saper bene di cosa si trattasse in realtà. Alla fine mi sono convinta a leggerlo e farmi un'opinione per conto mio.

La questione del "Diavolo" mi è sembrata - purtroppo - sin da subito un po' banale e infantile. Ma mi sono lasciata scivolare addosso questa sensazione con facilità senza troppo pensarci perché pagina dopo pagina la storia si infittiva sempre di più di nuovi avvenimenti e nuovi misteri.
E' stato appunto questo il motivo che mi ha tenuto con gli occhi incollati e rapiti da circa metà del libro sino alla fine. Ad ogni pagina non si sa mai cosa accada nella successiva, e credo sia questo uno dei punti di forza di questo libro: lasciare il lettore sempre con il fiato sospeso in attesa di qualcosa di eclatante.
Eclatante è un po' una parola grossa, però lo stesso il colpo di scena che non ti aspettavi arriva sempre, anche se dopo - da lì in avanti - potresti già chiudere il libro perché, in un modo e nell'altro, sai già come va a finire.

Un altro aspetto che ho particolarmente gradito è stata l'ambientazione: ci troviamo infatti in una grande villa a picco sul mare, lasciata all'incuria e in balia del tempo all'esterno ma lussureggiante e d'altri tempi all'interno.
Le descrizioni di questo luogo non sono molte, ma lo stesso si è creato nella mia testa un ambiente ricco e vivido, pieno di suppellettili e degno di un film. E credetemi, per me questa è una gran cosa: un libro che riesce a produrre un film nella mia testa senza tanti problemi è un gran libro!

Per quanto riguarda i personaggi, devo dire che anche qui mi sono un po' stupita, in senso buono per fortuna! Pensavo, ed ero convinta, di trovarmi davanti una storia d'amore da adolescenti alla Twilight, invece il mix di magia e mistero hanno reso il tutto più sopportabile.
La protagonista, in ogni caso, è "la sfigata di turno senza amore", quella che deve sempre salvare tutti. Mi chiedo perché! Purtroppo questa è una storia trita e ritrita e avrei avuto il piacere di non essere costretta a sopportare di nuovo un personaggio come il suo. E ora, ripensandoci bene, qualche analogia in più con Twilight questo libro ce l'ha... ma è meglio non pensarci troppo e passarci sopra! Dopo questo volume ce n'è un altro e io voglio scoprire come si svolgeranno le vicende.

Gli aspetti, e i miei giudizi, positivi sono in maggioranza rispetto a quelli negativi perciò non faccio tanta fatica a dare un giudizio complessivo buono.
Una buona lettura, alternativa, un mix tra fantasy e gothic per chi ama il mistero ma senza troppe pretese.

1 commento:

  1. A me era piaciuto molto, anche se alcune scene sono troppo inquietanti per me...

    RispondiElimina