AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

sabato 13 luglio 2013

Abandoned case: libri lasciati a metà, quali sono e perchè


Su Finzionimagazine.it, il web magazine di libri, è apparso ieri un articolo riguardante i libri che noi lettori abbandoniamo a sè stessi dopo averne letto qualche pagina. La questione mi ha fatto riflettere.
Goodreads, il social network di libri, ha investigato riguardo a quali siano i libri più abbandonati di sempre e soprattutto il perchè vengono lasciati a metà (cliccando sull'immagine in alto potrete trovare l'articolo).

Nella top five dei libri più scartati troviamo al primo posto nientedimeno che l'ultima fatica della Rowling, "Il seggio vacante", ma poi anche le "50 sfumature" della James e "Uomini che odiano le donne" di Stieg Larsson. Tra i classici vengono citati "Il signore degli anelli", "Ulisse" e "Moby Dick".

I motivi per cui questi libri vengono rimessi sulla libreria prima di essere terminati sono vari: si va dalle aspettative deluse, dal troppo noioso e lento, dall'assenza di trama, ma anche per la debole scrittura o semplicemente perchè non ci piacciono i personaggi descritti.

All'interno di tutta questa faccenda devo ammettere che io stessa dovrei fare ammenda. Perchè si, appartengo a quella categoria di lettore che almeno una volta nella vita ha abbandonato un libro.
Il primo in assoluto che ho lasciato in disparte è stato "Guerra e pace" di Tolstoj. Forse il momento in cui l'avevo iniziato non era propizio, sta di fatto che tutte quelle frasi scritte in francese e la difficile lettura me l'hanno fatto chiudere ad un quarto dall'inizio.
Poi viene "Dracula" di Bram Stoker, per il semplice fatto che avevo già visto il film e quindi sapevo come andava a finire. Mi risulta difficile leggere un libro di cui ho già visto la trasposizione cinematografica (se esiste). Perciò mi sono data come impegno di leggere un libro prima di passare al relativo film. Ciò comporta a volte che debba aspettare le calende greche prima di sedermi sul divano davanti alla tv - ovviamente perchè nel frattempo il periodo di permanenza nelle sale cinematografiche del film in questione è finito da un pezzo!!
Di seguito anch'io annovero nella mia lista di libri abbandonati "Il signore degli anelli", lasciato esattamente a metà del secondo libro... e sempre per lo stesso motivo per cui ho lasciato Dracula.
"Anna Karenina" di Tolstoj affianca "Guerra e pace" nel suo dolore di essere stato rimesso sulla libreria. Ma di questo devo ancora vederne il film quindi c'è ancora la possibilità di un ripescaggio.
Andando avanti ho "Emma" di Jane Austen: a dir la verità ho letto solo il primo capitolo di questo libro per poi passare ad altri la cui lettura era "fisicamente" più facile. Si perchè di Emma ho un'edizione in cui ci vorrebbe la lente d'ingrandimento per poter arrivare alla fine senza perdere la vista.
E poi "David Copperfield" di Dickens perchè lo stavo leggendo su un libro prestato e la proprietaria l'ha voluto indietro proprio sul più bello.
Ed infine "Il seggio vacante" della Rowling. Si, anche io ho questo libro nella classifica degli abbandonati. Troppo lento e noioso... troppo davvero. Mi ci sono voluti due mesi prima di decidermi a lasciarlo in disparte e passare ad altro. Non senza qualche senso di colpa.

Insomma, tutti classici belli e buoni, e per lo più consistenti. Purtroppo a volte si preferisce optare per una lettura più leggera e scorrevole piuttosto che cimentarsi in letture/letterature di un certo spessore.
Però il senso di colpa -come già ho detto - è sempre in agguato. Quante volte mi sono messa davanti agli scaffali in cerca di un libro nuovo da leggere e quando l'occhio mi cadeva su quei mattoni mi riscoprivo a pensare "Ti leggo o non ti leggo?"... ma poi la risposta è sempre stata "No sei troppo pesante e lungo" e quindi quei libri là rimanevano.
Prima o poi verrà il momento in cui leggerò la parola fine di questi libri, è un dovere morale di buona lettrice. Terminare i libri iniziati!
Voi invece, quali sono i libri che avete abbandonato (sempre se ne avete)? Oppure a differenza mia tutto quello che iniziate a leggere lo portate a termine?

11 commenti:

  1. Sono pochissimi i libri che ho abbandonato, ma tra questi spicca Il signora degli anelli. Ho iniziato il primo libro 4 o 5 volte, ma non ce l'ho mai fatta, nonostante la storia mi piaccia. Prima o poi ce la farò u.u

    RispondiElimina
  2. Ma che forte quest'articolo!!
    Io abbandono.. Sono entrata nello stato psico-fisico di accettazione serena della realtà perché visto tutti i bei libri che esistono, non vedo perché perdere tempo a leggere orrori XD

    Ragazze!! Riprendete LOTR!!! I film sono magistrali senza ombra di dubbio, ma Tolkien ha uno stile così poetico.. ç_ç (Vanessa: Se ti sei bloccata al bosco di Tom Bombadil, sappi che è la norma XD Superate le prime cento pagine - durante le quali io ero diventata campionessa mondiale di uncinetto dalla noia- inizia a scorrere.. ^^)

    Povera Rowling, "Il seggio vacante" addirittura uno dei più abbandonati?!
    Secondo me la gente lo ha affrontato con lo spirito sbagliato, aspettandosi un altro HP.. Io l'ho letto a settembre in inglese e a dicembre in italiano, amato entrambe le volte!! :DD

    David Copperfield l'ho letto (nella versione per ragazzi) quando avevo 8 anni.. I pianti all'inizio perché non capivo la storia, ho costretto mia mamma a leggere la prima parte per me e a spiegarmela.. Poi ho preso il via e mi è piaciuto tantissimo!! Onestamente però non so se ora avrei il coraggio di riprendere in mano la versione non tagliata!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena :) mi fa piacere che ti sia piaciuto!
      Eh David Copperfield è uno dei libri che mi è dispiaciuto lasciare, mi piaceva e non lo trovavo per nulla pesante... ma purtroppo me l'hanno strappato da sotto le mani. Ora, dopo un paio d'anni, l'ho comprato ma devo decidermi a ricominciarlo da capo.

      Elimina
    2. Ma secondo me è il destino. Sapete cos'è successo l'ultima volta che ho cercato di leggere La compagnia dell'anello? Avevo lasciato il libro in bagno (Il mio bagno è una libreria, tra parole crociate, libri e fumetti lol) e disgraziatamente è caduto dentro ad una bacinella d'acqua ç_ç Ce ne siamo accorti che ormai aveva assorbito tutta l'acqua ç_ç Dolore ç_ç

      Su Il seggio vacante sono d'accordo! Anche a me è piaciuto :)

      Elimina
  3. Mi è piaciuto il tuo articolo...molto e azzeccato.
    Anch'io ho abbandonato Guerra e Pace.....c'ho provato, giuro, ma non ce l'ho proprio fatta. Mi capita a volte di lasciare ed i motivi sono quelli citati: noiosi, storie improbabili o personaggi poco credibili, comunque sia se non mi piace lascio. E mi scoccia pure, visto quello che spendo! Negli ultimi tempi però, ho imparato, a prendere spunto dai vs commenti e recensioni. Ora difficilmente resto delusa e lascio, quindi grazie di esserci, a tutte le blogger come te.................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie lilia <3
      contentissima di esserti utile nelle tue scelte libresche :)
      prima o poi Guerra e Pace dovrà essere letto, se non altro per poi vedere la serie tv con Alessio Boni ;) (ancora là da guardare!!)

      Elimina
  4. Nooo :( Il seggio vacante è stupendo!
    Io, a pensarci bene, non ho mai abbandonato niente, anche perché i libri che reputo lunghi e noiosi li ho sempre evitati attentamente :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il seggio vacante mi sono un pò sentita in colpa ad averlo abbandonato :( era così british ma così british che proprio mi sono pentita! A me piace tutto quello che è british, però questo proprio non sono riuscita a portarlo a termine. tenterò un'altra volta.

      Elimina
    2. Tenta, tenta :) Una delle letture più belle dello scorso anno!

      Elimina
  5. Io ne ho abbandonati diversi, non ce la faccio proprio ad andare avanti se non mi prende....

    RispondiElimina
  6. secondo me Guerra e Pace merita....ma poi tutto dipende da come a volte è il tuo stato d'animo....alcuni li abbandoni anche per questi motivi e poi magari vai a ripescarli....a volte è questione di tempo...

    RispondiElimina