AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

martedì 9 aprile 2013

Teaser Tuesday #13



Nuovo appuntamento con la rubrica del martedì Teaser Tuesday ideata da MizB di Should Be Reading.
Potete partecipare anche voi lettori commentando a questo post, basta seguire poche semplici regole:
  • Prendi il libro che stai leggendo
  • Aprilo a una pagina a caso
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina ("Teaser")
  • Fai attenzione a non scrivere spoilers!
  • Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto.
Oggi vi propongo un pezzo di un libro che sto divorando con gli occhi, letteralmente!! Sono due notti che protraggo la mia lettura sino a tardi e ho certe occhiaie da far paura, ma non posso farci nulla, questo libro è una calamita! Trattasi di Gabriel's Inferno - Tentazione e castigo di Sylvain Reynald. A dire la verità mi manca poco per finirlo, ma lo stesso voglio postarvi la teaser, e nel caso domani anche la recensione.

«A Toronto conosco solo due persone, professore. E una è lei.»
«E' un peccato. Immagino che la seconda sia Paul.»
Julia lo scrutò, guardinga, ma tacque.
«Molestatore di angeli.»
Lei si accigliò. «Perché continua chiamarlo così?»
«Perché lo è, Miss Mitchell. O spera di diventarlo, per l’esattezza. Ma dovrà passare sul mio cadavere. Glielo dica. Lo avverta che insidia gli angeli a suo rischio e pericolo.»
La spiegazione la lasciò perplessa quanto la stranezza medievale dell’imprecazione. Ma avendolo già visto ubriaco, sapeva che l’alcol gli induceva stati alterni di lucidità assoluta e totale delirio.
E poi come si fa a molestare un angelo? Sono creature incorporee, spirituali. Non hanno sesso. Sei proprio un dantista perverso, caro il mio Gabriel.

Da "Gabriel's Inferno - Tentazione e castigo" di Sylvain Reynard.

Nessun commento:

Posta un commento