AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

lunedì 8 aprile 2013

Recensione: "The selection" di Kiera Cass

Buongiorno e buon lunedì mattina!
La giornata da me inizia con un bel sole e delle belle occhiaie sotto agli occhi, segno inconfondibile di una nottata passata per lo più davanti ad un e-reader.
Questa mattina vi propongo la mia recensione di The Selection, uno dei libri che vanno per la maggiore in questo periodo e di cui si parla molto grazie anche al fatto che se ne sta producendo una serie televisiva che andrà in onda per la The CW in autunno.

Titolo: The selection
Titolo originale: The selection (The selection #1)
Autore: Kiera Cass
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Pagine: 319
Prezzo: 17,90€
Data di uscita: 12 marzo 2013


Trama
In un futuro lontano, in un Paese devastato dalla guerra e dalla fame, l'erede al trono seleziona la propria moglie grazie a un reality show. Spettacolare. Per molte ragazze la Selezione è l'occasione di una vita. L'opportunità di sfuggire a un destino di miseria e sognare un futuro migliore. Un futuro di feste, gioielli e abiti scintillanti. Ma per America è un incubo. A sedici anni, l'ultima cosa che vorrebbe è lasciare la casa in cui è cresciuta per essere rinchiusa in un Palazzo che non conosce. Perdendo così l'unica persona che abbia mai amato, il coraggioso e irrequieto Aspen. Poi però America conosce il Principe Maxon e le cose si complicano. Perché Maxon è affascinante, dolce e premuroso. E può regalarle un'esistenza che lei non ha mai nemmeno osato immaginare.


La mia recensione

Ho letto questo libro con il gruppo di lettura di Reading is Bealiving, anche se io ho bruciato due tappe e ho finito di gran lunga prima.
Questo libro era troppo scorrevole, anzi scorrevolissimo, perchè si facesse lasciare là in disparte. Così l'ho letto d'un fiato.

America Singer è una ragazza poco meno che ventenne la quale, un bel giorno, riceve la regale lettera di invito a partecipare alla Selezione, concorso durante il quale il principe del regno di Illea sceglierà la propria futura moglie.
Lei dapprima si rifiuta categoricamente di accettare l'offerta, ma poi sotto la costante pressione della madre e della sorella e sotto l'espressa richiesta del fidanzato segreto Aspen, si convince a partecipare.
E quando viene scelta fra mille, l'unica cosa da fare è accettare e trasferirsi a palazzo assieme ad altre 34 agguerrite ragazze.

Come in un reality show, la vita delle fanciulle oltre ad essere catapultata in un mondo fatto di ambienti sfarzosi e regole di etichetta rigide, abiti scintillanti e lusso a non finire, viene anche portata all'interno delle case di tutti i sudditi del regno.
America accetta di cambiare la sua vita perchè così facendo potrà dare un pò di speranza alla sua famiglia: loro sono dei Cinque, una delle otto classi sociali presenti nel regno, e fino ad allora se la sono cavata alla bell'e meglio facendo molte rinunce. Ma con la sua partecipazione alla Selezione la sua famiglia è stata abbondantemente ricompensata.
E poi c'è Aspen, il secondo motivo per cui si rifugia a palazzo. Poco prima della selezione infatti, lui la lascia per orgoglio, perchè non sopporta di non potersi occupare di lei come lei merita. Lui è un Sei, una classe inferiore ad America, e per quanto il suo amore sia grande non può permettere che lei rinunci a tutto quello che si è conquistata faticosamente per stare con lui.

America Singer è una ragazza solare dalla lingua tagliente, pronta a dire quello che pensa senza farsi troppi problemi e senza pensare alle conseguenze. Dai capelli di fiamma e dalla voce angelica - come suggerisce il suo cognome, lei è una cantante, neanche farlo apposta - fa subito colpo su Maxon, il principe e futuro re di Illea.
Lui non è uno snob come America aveva sempre pensato, anzi, è un ragazzo costretto dalle regole e dall'esigenza di conservare le apparenze che non desidera altro che trovare qualcuno che lo ami per quello che è: con un animo gentile pronto a perdonare qualsiasi cosa e farsi carico di situazioni scomode, ma che difronte alle lacrime di una fanciulla non sa come comportarsi. Goffo e sincero, è proprio questo che lo fa apparire ad America sotto una luce diversa e convincerla a fidarsi di lui tanto da confessargli i suoi segreti.

In questo libro troviamo una miriade di personaggi, alcuni soltanto annunciati ed altri più partecipi nella scena, ma comunque lo stesso poco descritti tanto da non far neppure in tempo a conoscerli davvero che subito se ne sono già andati. Perchè la Selezione prevede anche l'eliminazione quelle ragazze che al principe non suscitano alcuna emozione.
La famiglia di America è composta tutta da artisti, e per certi aspetti mi ha un pò ricordato la famiglia Bennett di Orgoglio e Pregiudizio, con il padre sempre zitto se non quando deve esprimere il suo orgoglio e i suoi sentimenti nei confronti della figlia, la madre tutta raggiante alla vista della lettera della Selezione come a dire "per mia figlia il migliore dei matrimoni".

Scritto in termini facili, questo primo capitolo della serie si fa leggere rapidamente, complice anche il fatto che gli eventi si susseguono l'un l'altro senza l'uso di troppe descrizioni o dettagli: ecco, questo è uno degli aspetti che mi sono più dispiaciuti nel libro. 
Come del resto la voluta - o non voluta, chi lo sa - omissione di spiegarci il perchè della divisione in classi sociali così differenti tra loro: nel libro infatti la società di Illea è descritta in poche righe, come lo è del resto il mondo generale in cui i protagonisti vivono. Solo uno stralcio di storia ci viene dato a conoscere.
Un libro con un finale insapore del quale - si spera - verremo ricompensati nel successivo capitolo, The Elite, in uscita negli Stati Uniti il 23 Aprile 2013... manca poco ormai, e allora potremo sapere chi America sceglierà tra il principe Maxon o il suo amore di sempre Aspen.
Se devo dire se questo libro mi è piaciuto o no rispondo "ni", per i motivi sopracitati. Per quanto veloce sia la lettura e l'apparente coinvolgimento, solo il principe Maxon mi ha catturata tanto da farmi fare il tifo per lui, e non perchè è un principe, ma piuttosto per il suo animo gentile e delicato ma al contempo autorevole
Leggerò sicuramente il seguito soltanto perchè voglio sapere come va a finire. Sperando che ci sia dato a sapere, e non dover aspettare un terzo libro!

Il mio voto

1 commento:

  1. Concordo alla grande e Maxon è stato anche per me l'unico per cui fare il tifo per il tuo stesso motivo ^^
    Bella recensione, spero che nel secondo ci sia un po' più d'azione!

    RispondiElimina