AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

lunedì 15 aprile 2013

Recensione: "Io sono Heathcliff" di Desy Giuffrè

Buongiorno lettori! Oggi voglio iniziare la giornata e la settimana con la recensione di un libro che era da moltissimo tempo che volevo leggere; ogni volta che andavo in libreria e lo vedevo immancabilmente rimaneva sullo scaffale. Ma dopo tanto tempo alla fine mi sono decisa e ne ho fatta mia la lettura.

Titolo: Io sono Heathcliff
Autore: Desy Giuffrè
Casa editrice: Fazi
Pagine: 237
Prezzo: 9,90€
Data di uscita: 29 marzo 2012


Trama
Elena Ray è bella, ricca, viziata. I ragazzi cadono ai suoi piedi, l'unica preoccupazione è lo shopping in compagnia della scatenata amica Stella. Eppure da settimane non riesce più a dormire. I suoi sogni si trasformano in incubi, svegliandola di soprassalto. È forse a causa della tensione per l'imminente viaggio in Inghilterra insieme ai genitori, da cui la dividono incomprensioni e silenzi, oppure è qualcosa di più oscuro, il potere di una voce, di un richiamo che talvolta si impossessa di lei e la fa agire contro la sua volontà? La stessa, inspiegabile sensazione che da un po' di tempo prova Damian, ragazzo cresciuto sulla strada, troppo duramente e troppo in fretta, segnato dall'abbandono del padre e costretto a guardarsi dallo zio malavitoso. Due vite che non hanno niente in comune, se non un incontro casuale e, da quell'istante, l'impossibilità di levarsi dalla mente l'intreccio dei loro sguardi. Ancora non sanno che le proprie esistenze sono già indissolubilmente legate: così vuole l'antica maledizione sprigionatasi dalle ceneri di una passione disperata: quella tra Catherine Earnshaw e Heathcliff, i protagonisti di "Cime tempestose". Un classico senza tempo rivive nel primo sequel fantasy del capolavoro di Emily Bronté, insieme ai suoi indimenticabili personaggi, divenuti spettri senza pace che ora, a distanza di secoli, sono disposti a tutto, anche ad appropriarsi dei destini di due ragazzi fragili e tormentati di oggi, per poter rivivere il loro sfortunato amore.


La mia recensione

Da un sequel di un grande classico senza tempo come Cime Tempestose inutile dire che mi aspettasi di più.
La storia di Cathy e Heathcliff la conoscono in molti. Il loro amore non vissuto in vita sarà possibile solo dopo la morte.
Qualcuno ha pensato che questo finale non era abbastanza, e quindi perchè non scrivere un seguito nel quale dare una seconda possibilità agli spiriti dei due amanti che vagano per la brughiera?

Spesso in questo libro è citato:
Le rocce ne saranno custodi
la brughiera prigione
finchè una Figlia di Sangue non giungerà
per ridare il sale alle loro ossa
e la terra non griderà più i loro nomi
una maledizione che fa di Cathy ed Heathcliff due anime in pena destinate soltanto a vagare per la brughiera, incapaci di vivere il loro amore neppure nell'aldilà.
Ma come recita l'iscrizione sulle loro tombe, è in arrivo la Figlia di Sangue, Elena. Una ragazza ricca e viziata, in conflitto perenne con la famiglia. Ma quando essa giunge nel maniero di Wuthering Heights tutto cambia. L'apparizione dei due spiriti la manda in confusione, incubi che la posseggono di notte e ora anche di giorno tanto da domandarsi se per caso non stia diventando pazza.
E a questo si aggiunge l'incontro con Damien Lubeschi - un ragazzo di strada con alle spalle un passato difficile con il padre - durante il quale un'inspiegabile attrazione si impossessa di loro. Entrambi non fanno altro che pensare l'uno all'altra, mentre il loro sentimento cresce. Ma a tirare il filo di questo teatrino ci sono i due fantasmi della brughiera, il cui unico scopo è quello di far innamorare i due ragazzi affinchè poi essi possano impossessarsi dei loro corpi e vivere finalmente in terra il loro amore.
Ma la strada per lo spezzare la maledizione è lastricata di guai e difficoltà. E per i due fantasmi sarà un duro lavoro.

Per tutto il libro mi sono chiesta come mai queste due anime siano così egoiste: sacrificare la vita di due ragazzi per avere la seconda possibilità di amarsi.
Ma la risposta è presto data. Basta leggere Cime Tempestose. Il rancore che essi provavano l'uno per l'altro in vita, in questo libro è dato a pensare che evidentemente era stato troppo e come punizione quindi sono destinati ad essere infelici anche dopo la morte.
Anche se l'amore che Cathy prova per Heathcliff è enorme, era macchiato di qualcosa di oscuro.
Per questo vede in Elena una seconda chance.

Per quanto questa storia sia intrigante, devo dire che è un pò povera.
I pochi eventi narrati lasciano la delusione data dal non essere stati approfonditi
Troppo veloci le scene che vedono Elena e Damien come protagonisti, e altre situazioni che a volte sembrano essere state buttate lì a caso senza una traccia di continuità con le vicende precedenti o successive.
Poco sappiamo del rapporto che Damien aveva con il padre o del perchè esso l'abbia invischiato nei propri guai.
Idem per quanto riguarda la madre di Elena: non capisco come il fatto che quest'ultima l'aiuti nell'intento di diventare presidente di un'anonima associazione abbia qualcosa a che fare con la storia che si sta leggendo se non per il solo fatto di mettere lì un evento in più che allunghi il racconto.
Troppo spazio si è dato alla descrizione astratta, come ad esempio il riecheggiare di antiche conversazioni:
Nelly, io SONO Heathcliff! Lui è sempre sempre, sempre nella mia mente: non come una gioia, non più di quanto io lo sia per me stessa, ma come il mio stesso essere.
e poco invece a quella concreta degli eventi narrati, del presente, e di quello che succede ai due ragazzi.
Piccoli aspetti che - se approfonditi - avrebbero reso questa storia indimenticabile. 
Un peccato, ma questo non mi esime dal dare a questo libro quattro stelle perchè, nonostante tutto, un sequel di una storia tanto amata è sempre ben accetto anche se ci lascia un pò insoddisfatti.

Il mio voto



Booktrailers

3 commenti:

  1. Sono sempre stata un pò in forse, non amo tantissimo i sequel, specie se di classici intramontabili.

    RispondiElimina
  2. Io ce l'ho lì da un pò, ma ancora non mi decido a leggerlo ^-^

    RispondiElimina
  3. Boh, io rimango in forse. Ho letto tante recensioni contrastanti, vediamo come va a finire ;)

    RispondiElimina