AVVISO
Dall' 1 Aprile 2017 tutte le collaborazioni con case editrici e autori sono sospese.
Mi riservo di pubblicizzare soltanto i libri che ritengo per mio gusto interessanti.
Qualsiasi altra richiesta non verrà presa in considerazione.

    

martedì 26 marzo 2013

Teaser Tuesday #11



Nuovo appuntamento con la rubrica del martedì Teaser Tuesday ideata da MizB di Should Be Reading.
Potete partecipare anche voi lettori commentando a questo post, basta seguire poche semplici regole:
  • Prendi il libro che stai leggendo
  • Aprilo a una pagina a caso
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina ("Teaser")
  • Fai attenzione a non scrivere spoilers!
  • Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto.
Oggi vi propongo uno spezzone di "Promessa di Sangue" di Richelle Mead, quarto capitolo della saga "Vampire Academy" che tanto mi sta facendo appassionare alla storia di Rose Hathaway (le recensioni ai precedenti libri le trovate qui):

Non ero mai stata a Mosca. Era una splendida città, brulicante di vita e di attività commerciali. Avrei potuto passarci giornate intere a fare shopping e a provare i ristoranti. Luoghi di cui avevo sempre sentito parlare - il Cremlino, la Piazza Rossa, il teatro Bolshoi - adesso erano a portata di mano. Ma per quanto fosse tutto molto interessante, cercavo di distrarmi dagli scenari e dai rumori della città perché mi ricordavano... be', mi ricordavano Dimitri.
Lui mi aveva parlato spesso della Russia, sicuro che l'avrei adorata.
"Per te sarà come ritrovarti in una favola" mi aveva detto una volta. Era l'autunno precedente e ci stavamo allenando prima che iniziassero le lezioni regolari. Aleggiava una sottile bruma e tutto era coperto di rugiada.
«Scusa, compagno» avevo risposto mentre mi facevo la coda. A Dimitri piacevo con i capelli sciolti, ma in allenamento erano un impiccio. «Il borg e la vecchia musica non fanno parte delle favole che ho sempre sognato.»
Lui mi aveva rivolto uno dei suoi rari e amabili sorrisi, di quelli che gli increspavano gli angoli degli occhi. «Si chiama borscht, non borg. E conosco il tuo appetito. Se avessi abbastanza fame, mangeresti anche quello.»
«Quindi la fame è un elemento essenziale perché la favola funzioni?» Non c'era niente che mi piacesse di più che prendere in giro Dimitri. Be', a parte baciarlo, s'intende.

Da "Promessa di sangue" di Richelle Mead

Nessun commento:

Posta un commento